Dal Pick Up al Transfer la classe la scelgo io

Scritto da Petaloblu. Postato in Blog

(MI STAVO POSTANDO SOTTO)
18 Febbraio 2014
libri-fivet-febbraio
Mi svelo direttamente senza troppi giri... ho avuto paura ma stavolta la classe la scelgo io.
Ieri Pick Up da estasi, diversa anestesista e diversa dottoressa. Lo dico al volo, è stato più doloroso della prima volta ma sinceramente niente di cui potersi lamentare..e questo mi fa chiedere quanto le donne come noi siano disposte a sciogliere i confini e renderli elastici, irragionevolmente audaci. 
La ragazza prima di me ha detto di aver sentito dolore e poi ha detto, probabimente presa dalla tensione, "ho sudato, no se non va basta..chi me lo fa fare?".. al "chi me lo fa fare" ho immaginato un fulmine di jella che ci individuava dagli inferi delle fogne fiorentine e non sapendo dove nascondermi ho pensato bene di grattarmi lì, propria lì. 
A un certo punto per far capire all'anestesista che ero vigilissima ho iniziato a parlare scandendo le lettere, doppiando Scarlett Johansson, spiegando quante persone abitano a Frosinone...niente. 
Recuperati 11 ovociti.
Ora, fermi tutti! Ma fermete proprio! 
Questo è quato: la quantità non fa la qualità. Stamane mi hanno chiamato e infatti, badaben, mi hanno dato appuntamento a domani... TRANSFER Mercoledì 19 Febbraio (quando esce Topolino!!)
Uellalà addirittura in seconda giornata, manco terza come l'altra volta, seconda! 
E tre
due
uno...
ecchelallà!
Mi è ripiombato in mente tutto.. e te pareva, dirai te. E si, che ci vuoi fare, a ognuno i propri mostri.
E via a pensare che nonostante la giovine età non si riesce ad arrivare a blastocisti, e da 11 magari ne rimane solo uno, e non produco piccoli forti, e la Extra Giaina ci propose la diagnosi preimpianto (ccisua siempre) e la biologa mi dirà "buonini" con l'aria di una cernia appassita, e poi non sarò accogliente.. e..e.. e aspetta un attimo, e no stavolta NO.
PETALO RULES e COME PETALO e CHARLIE VI VENGONO A CERCARE
fivet-febbraio
Siamo andati dai miei amici Clown Dottori di cui vi parlerò in un post a parte, ci siamo affogati nella loro libreria per bambini..
Io amo le illustrazioni, amo molte cose e ho molte manie (tazze, mug, teiere, tè verdi,stoffe, coperte, fiocchi, collane, cuscini, bottoni ecc ecc) ma un conto è portarsi a casa un libro di illustrazioni qualsiasi..un conto è tornare in compagnia di un libro custodita dai tuoi amici, curato e amato, presentato con entusiasmo ..è un passaparola di storie e quel libro avrà un suo spessore, un vestito tutto suo dei colori e suoni e odori che quel giorno ha fatto èroprio, il giorno in cui si è fatto legame tra te e un altra persona, il giorno in cui è diventato il custode di una storia che potra raccontare al tatto.
Domani porterò con me:
"Pisellino, patatina: ISTRUZIONI per l'USO".. che non ha bisogno di presentazioni ma sarà sicuramente uno dei motivi per cui la gente verrà a trovarmi e a prendere un tè da noi (oltre a lui in pole position "Il libro della cacca" comprato a Bologna..se lo sfogli puzza di pupù.. Io lo amo.)
"Bisognerà" e il bambino che lo abita, che ha visto il mondo da lontano e decide di "proteggerlo".
Sono sempre più convinta che il destino sceglie sempre quali persone assegnare ai libri in quel dato momento e che i libri vengano da te a prendersi cura di un legame segreto. 
"Il LIBRO SBILENCO" che mi piace perche è storto e che ancora non ho sbirciato.
E per finire il libro che mi hanno regalato i miei amici di questo splendido mondo "Farollo e Falpalà- Libri e giocattoli per crescere" :

"A una stella cadente Upon a falling star A une etoile filante"

Un libro che è la casa di alcuni desideri, pochi ma sorprendenti, i dsideri di Nicoletta, Magda, Eva..non hanno nomi ma sono in italiano, inglese e francese perchè il desiderio non conosce confini.
"Fare come i pesci:dice che sanno più di noi di essere vivi perchè si vedono il respiro"
"Riconoscere gli altri fuori da sè e lo stesso poterli contenere"
"Spiegare la nostalgia"
"Volare o non scoprire mai che lo si poteva fare"
"Sganciarsi da terra"
e la mia preferita..
"Scoprire cos'hanno dentro tutte le cose che non parlano"
Perchè io i miei piccoli o il mio piccolo domani me lo porto con me, perchè se non parlano sta a me dargli voce, farli star bene, farli ridere possibilmente. O regalargli un pò di immaginazione, dopo tutto quel freddo. Il libro finisce che la stella corre. Cade. chiede ancora un desiderio... 
Il mio è qui e non lo dico perchè non ha voce come voi però ve lo regalo, è vostro. Il mio desiderio lo regalo a voi.
E domani la classe la scelgo io con Charlie, una classe tutta nostra e a fine corsa vi regalo un desiderio. 
Perchè voi siete come i desideri, un segreto prezioso che atterra solo su una stella.
Domani classe desiderio...che ognuno soffi su una candelina, ce n'è per tutti.
farollo-falpala



Lascia il tuo commento

Post comment as a guest

0
termini e condizioni.
Caricare di più
Testi e foto sono di proprietà di "ealloraseiincinta?"
Copyright © 2012

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.